0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

RECENSIONE OSTERIA LA FONDERIA DA GAS – Calisese di Cesena (FC)

Lontano dal centro abitato e dai rumore indiscreti della città si radica l’osteria La Fonderia; un
luogo dall’atmosfera conciliante e dai sapori forti e decisi.
Silla, la proprietaria, ci racconta di aver intrapreso questa carriera ormai trent’anni fa. É una donna forte, che intrattiene con simpatia la sua clientela e che lavora con rinomata grinta e passione.
Ci ha accolti e ci ha fatto accomodare nel patio del suo ristorante, uno spazio piacevole e all’aperto. Ero sicura che le luci soffuse, il fresco della campagna e l’ambiente intimo e tranquillo ai noi
circostante avrebbero contribuito a rendere la nostra serata assai gradevole e rilassante: le mie aspettative non sono state disilluse.

Avevamo un coupon Tippest: un abbondante menù di carne avrebbe allietato la nostra gola e il nostro palato.

Per cominciare, un ricco antipasto comprensivo di crescioni e crostini saporitissimi, verdure miste e creme fritte nonché bocconcini di manzo: eravamo già estasiati.

A seguire abbiamo scelto: una pappardella all’anatra e un piatto di triangoli rossi con melanzane e bufala. Per quest’ultima spendo qualche parola di grato apprezzamento: erano squisiti. Nonostante
fossi quasi sazia, non riuscivo a smettere di mangiarli. La variazione cromatica con il quale il piatto si presentava, gli odori che esso emanava e il sapore davvero eccezionale erano divenuti calamita
per il mio palato, debole alle tentazioni.

Come secondo abbiamo poi scelto il cosiddetto Baston del pasador (carne di manzo battuta e avvolta al ramo di Ciliegio con lardo di colonnata su mistincanza e pendolini), direttamente
consigliatoci dallo chef, e lo scortichino di manzo con misticanza, balsamico e grana. Entrambi erano davvero buonissimi ma imbattibile, a parer mio, il Baston del pasador, vero cavallo di
Battaglia dell’osteria. Consigliassimo.

Dulcis in fundo, dopo porzioni abbondantissime e pance soddisfatte e gonfie, la sfogliata con salsa di mascarpone e frutta fresca. Sì, siamo riusciti a mangiare anche quella. Non avremmo potuto
altrimenti: il richiamo era incontrastabile, il sapore davvero accattivante. Durante la cena abbiamo accompagnato tutto il pasto con un Vino Sangiovese della casa; il sapore
era forte e deciso, esattamente come la proprietaria. Non sono mancati, infine, amari e caffé per la perfetta conclusione di una cena davvero
soddisfacente.

Il servizio è stato rapido e il personale si è mostrato, in maniera continuativa, attento ai nostri bisogni e al nostro benessere. Non ho avuto difficoltà alcuna né a raggiungere il posto, né a parcheggiare, pertanto, come potrei non consigliarlo e non reputare l’esperienza estremamente positiva?
Ilaria S.